Il Decreto Dignità è legge con l’approvazione definitiva del Senato

Venerdì, 10 Agosto 2018 14:14

La parte più rilevante riguarda l’occupazione, con la previsione della durata massima del contratto a termine che scende da tre a due anni, ed il numero massimo di proroghe da 5 a 4. Sono state inoltre reintrodotte le causali per i contratti, ma soltanto dopo i primi 12 mesi.
Sul fronte delle imprese, il provvedimento prevede il rafforzamento delle misure per frenare le delocalizzazioni per le aziende che hanno ricevuto aiuti di Stato per poi spostare fuori dall’Unione Europea la loro attività, prima che siano trascorsi 5 anni dalla fine degli investimenti agevolati. Sul fronte fiscale è stato abolito lo split payment (il trattenimento diretto dell’IVA da parte dello Stato nel rapporto con i fornitori) ma soltanto per i professionisti.
Ulteriori interventi sulle misure, rispetto alla prima stesura, in sede di conversione del decreto per il gioco d’azzardo.
Oltre alla conferma del divieto immediato di pubblicità (tranne che per i contratti in essere che potranno valere comunque non oltre un anno dall’entrata in vigore della legge) e del blocco delle sponsorizzazioni dal 1 gennaio 2019, è stata inasprita la sanzione dal 5% al 20% del valore del contratto.
Nel provvedimento è prevista l’istituzione del logo “No Slot” che potrà essere esposto nei bar, negli esercizi pubblici e nei circoli privati da coloro che si impegnano ad eliminare o a non installare apparecchi da gioco. Le condizioni per il rilascio del logo saranno indicare in un decreto del MISE con un decreto da approvare entro fine anno.
Implementate le misure di analisi sul fenomeno del gioco con la previsione di un costante monitoraggio da parte del Ministero dell’Economia anche attraverso una banca dati sull’andamento del volume di gioco e sulla sua distribuzione sul territorio.
Dal 1 gennaio 2020 gli apparecchi privi di meccanismi idonei ad impedire l’accesso ai giochi ai minori dovranno essere rimossi e la violazione sarà punita con sanzioni pari a 10.000 euro per ciascun apparecchio. Il meccanismo per attuare la norma è l’obbligo di utilizzo della tessera sanitaria da parte dei giocatori.
I tagliandi delle lotterie istantanee dovranno contenere messaggi su entrambi i lati recanti avvertenze relativi e ai rischi connessi al gioco d’azzardo: i tagliandi dovranno comunque riportare la scritta “Questo gioco nuoce alla salute”. Formule di avvertimento sul rischio di dipendenza dalla carica dei giochi con vincite in denaro, dovranno essere anche applicate sugli apparecchi di intrattenimento.
Infine entro fine anno il Governo proporrà una riforma complessiva in materia di giochi pubblici per assicurare l’eliminazione dei rischi connessi al disturbo del gioco d’azzardo e contrastare il gioco illegale e le frodi a danno dell’erario.

facebook linkedin youtube
 

aams

© 2017 Novomatic Italia S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Numero R.E.A. RM - 1268859 | P.Iva 03677960407

INFORMATIVA: Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti.

Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’installazione dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso all’installazione dei cookie clicca qui. Per saperne di piu'

Approvo